Le nostre soluzioni IT a sostegno
della vostra strategia di business.
Dal 1986 lavoriamo per l'innovazione.
Sistema 3 è il perfetto sostegno alle tue esigenze informatiche.
Esperienza, professionalità e innovazione: sono questi i pilastri che fanno della Sistema 3 s.r.l. il perfetto sostegno alle tue esigenze informatiche. L’esperienza della nostra azienda è garantita da una presenza trentennale nel campo dell’informatica: è dal 1986 che offriamo i nostri servizi di assistenza, consulenza, riparzione e vendita in amibto IT. Questo ci ha resi leader nella regione Marche e ci ha permesso di costruire nel tempo un rapporto privilegiato con tanti enti pubblici e scuole, in quanto iscritti al MEPA, ed altrettante aziende e professionisti.
Dal blog
Didattica a distanza: 85 milioni stanziati dal Ministero
Di Daniela Zepponi
|
Pubblicato il 07 Aprile 2020
|
digitalizzazione
L’emergenza coronavirus ha messo in luce in questi mesi tanti problemi legati alla digitalizzazione della scuola. Ovviamente nessuno immaginava di doversi organizzare da un giorno all’altro per tenere lezioni a milioni di studenti in teledidattica eppure così è stato. Ora il Ministero mette a disposizione svariati milioni di euro per far fronte a questi problemi visto che ancora è difficile immaginare quando si tornerà a scuola e soprattutto COME ci si tornerà. Ma come saranno organizzati questi soldi? Ci saranno ben 10 milioni di euro che verranno stanziati per dotare le scuole di strumenti digitali o per favorire l’utilizzo di piattaforme di e-learning. 70 milioni di euro che permetteranno anche ai ragazzi meno fortunati a livello economico di avere gratuitamente a disposizione dispositivi digitali individuali. Infine ci saranno 5 milioni di euro per la formazione online dei docenti sulle metodologie e sulle tecniche di didattica a distanza. Tutte le informazioni in merito a quello che abbiamo detto potete reperirle all’interno del Decreto Cura Italia a questo Link: nota operativa per l'attuazione del decreto Cura Italia inviata alle scuole italiane il 28 marzo 2020.  Il riparto dei fondi per ciascuna istituzione scolastica statale è specificato all'allegato 1 visionabile a questo link.  Noi di Sistema 3, da anni leader nella vendita di dispositivi per la tecno didattica siamo a disposizione per rispondere a tutte le vostre domande con tante idee e spunti per rendere più semplice e veloce il passaggio verso la didattica a distanza. Abbiamo a disposizione notebook e tablet. Vi aspettiamo!
Continua a leggere...
Epic Fail Inps: cosa è andato storto?
Di Daniela Zepponi
|
Pubblicato il 03 Aprile 2020
Sono tempi difficili, lo sappiamo tutti: e proprio durante i tempi difficili si vede la differenza tra chi sa fare il proprio lavoro e chi no. Il primo aprile (sorvoliamo sull’ironia della cosa) le Partite Iva, dalla Mezzanotte hanno potuto chiedere sul sito dell’Inps i 600 euro che lo Stato Italiano ha deciso di destinare loro come sostegno in questi momenti di crisi. Le partite Iva in Italia sono circa 5 milioni e nonostante alcuni paletti, è probabile che la maggior parte di loro abbia diritto al sostegno. Visto che si è parlato di click day la gente si è fatta prendere dal panico e a mezzanotte e 1 secondo ecco migliaia di persone online a fare la richiesta. Cosa è successo al sito Inps? Era prevedibile che una folla di centinaia di migliaia di persone si riversasse in contemporanea nel sito, e questo ha portato due enormi problemi: uno prevedibile e uno assolutamente imprevedibile. Iniziamo ad analizzare la situazione più prevedibile: il sito ad un certo punto non ha retto ed è andato in down. Perché? Perché alla fine non c'erano un numero sufficiente di server per poter gestire tutte quelle richieste, senza contare  che il programma è stato scritto davvero molto molto male. Facciamo un esempio concreto: hanno messo la cache davanti ai server ma configurata male, ecco perchè ha iniziato a rispondere agli utenti sbagliati. Il secondo problema è stato qualcosa di assolutamente imprevedibile (e impensabile): una gigantesca falla nella protezione dei dati, che ha portato la gente a visualizzare profili ( e dati sensibili) non propri, con un danno di immagine ( e non solo) enorme per l’Ente Previdenziale. Dando un’occhiata al codice (lato client, quindi non serve hackerare nulla) si nota che il linguaggio di programmazione sembra scritto da uno stagista alle prime armi (senza nulla togliere agli stagisti). Un sito costato in pochi anni milioni di euro come questo, un sito Istituzionale di un Ente su cui fa affidamento tantissima gente deve essere analizzato scritto e revisionato da un team di diversi programmatori.... insomma sembra che i milioni di euro investiti non siano molto giustificati. Al momento è stato accusato un hacker di tutto il disastro successo: ma forse basterebbe fare un mea culpa, e iniziare a investire IN MANIERA SERIA sul digitale. Se non ora quando?
Continua a leggere...
Videoconferenze: come lavorare ai tempi del Covid-19
Di Daniela Zepponi
|
Pubblicato il 24 Marzo 2020
Le riunioni in video conferenza sono una risorsa usata già da tempo dalle aziende di tutto il mondo, ma mai come in questo periodo si stanno rivelando fondamentali per portare avanti il lavoro. Infatti spesso per portare avanti un lavoro un messaggio o una chiamata non sono sufficienti, è necessaria una chiacchierata a quattr’occhi, in particolar modo quando, nella riunione, sono coinvolte più di due persone. E a rispondere a questa esigenza ci pensa appunto la videoconferenza, una sorta di riunione 3.0 che permette a due o più persone distanti tra loro di chiacchierare guardandosi negli occhi, grazie alla presenza di un dispositivo dotato di monitor, come un desktop o uno smartphone. Riunioni in videoconferenza: i vantaggi per la tua azienda La videoconferenza ha diversi vantaggi per le aziende: la possibilità di sostituire le riunioni tradizionali con incontri virtuali ha ripercussioni sui costi e processi aziendali, e anche a livello organizzativo e conoscitivo, perchè consente di organizzare incontri anche tra più persone distanti tra loro. Anche in condizioni normali le riunioni in videoconferenza portano diversi vantaggi e sono 1 – RIDUZIONE DEI COSTI IN TEMPO E DENARO  2 – COLLOQUI DI LAVORO RAPIDI ED EFFICACI 3 – INTRODURRE IN AZIENDA LO SMART WORKING 4 – COINVOLGERE MAGGIOREMENTE I DIPENDENTI 5 – MIGLIORARE IL PIANO DI MARKETING Ma quali sono i Software per videoconferenza che possiamo utilizzare? C’è ad esempio  Gmail Hangouts: disponibile per chi ha un account Gmail, quindi si può usare sia su computer fisso che su smartphone Android e iOS. Hangouts è un servizio completo e permette di inviare messaggi di testo, effettuare videochiamate e videoconferenze (fino ad un massimo di 10 persone connesse) e offre anche un servizio VoIP. Ovviamente può essere utilizzato Skype con le videochiamate di gruppo. Da qualche mese, anche con Whatsapp è possibile fare delle videochiamate coinvolgendo più persone. Se usi già questa app di messaggistica con la tua azienda, ora puoi comunicare ai tuoi clienti e collaboratori la tua disponibilità ad effettuare delle videochiamate con lo smartphone. Anche in questo caso il servizio è totalmente gratuito e si può interagire con interi gruppi di persone. Un’alternativa simile, che sta prendendo piede è Telegram. Il servizio offre funzionalità specifiche per proteggere la privacy delle conversazioni: l’invio di messaggi di testo e file multimediali si autodistruggono dopo uno specifico lasso di tempo e può essere utilizzato anche per le videoconferenze. Certo è che in questo momento in cui sono tutti connessi, anche questi sistemi potrebbero creare qualche problema. Noi si Sistema 3 restiamo sempre a disposizione per mostrarvi il sistema che consigliamo e seguirvi passo passo nell’installazione!
Continua a leggere...
Lavoriamo con
1986
Anno di fondazione dell'azienda
110+
Software gestionali (cloud e non) gestiti
1780
Kit Lim consegnati, installati e collaudati
140+
Portali web, siti internet ed app
I nostri fornitori sono