Le nostre soluzioni IT a sostegno
della vostra strategia di business.
Dal 1986 lavoriamo per l'innovazione.
Sistema 3 è il perfetto sostegno alle tue esigenze informatiche.
Esperienza, professionalità e innovazione: sono questi i pilastri che fanno della Sistema 3 s.r.l. il perfetto sostegno alle tue esigenze informatiche. L’esperienza della nostra azienda è garantita da una presenza trentennale nel campo dell’informatica: è dal 1986 che offriamo i nostri servizi di assistenza, consulenza, riparzione e vendita in amibto IT. Questo ci ha resi leader nella regione Marche e ci ha permesso di costruire nel tempo un rapporto privilegiato con tanti enti pubblici e scuole, in quanto iscritti al MEPA, ed altrettante aziende e professionisti.
Dal blog
HP presenta Elitebook Dragonfly
Di Daniela Zepponi
|
Pubblicato il 05 Dicembre 2019
HP presenta Elitebook Dragonfly disponibile in tre configurazioni Hp è famosa per aver lanciato sul mercato dei notebook molto funzionali e ben progettati. Negli ultimi mesi, l’azienda ha deciso di mettersi alla prova nella creazione di un notebook in grado di garantire una notevole autonomia e una durata della batteria piuttosto lunga. È nato così il nuovo laptop convertibile Elitebook Dragonfly, di dimensioni pari a 304,3 x 197,5 x 16,1 mm, che garantisce fino ad 24, 5 ore di autonomia. L’intero dispositivo è realizzato in lega di magnesio e materiale plastico ed ha un peso di 990 grammi. Le tre configurazioni Elitebook Dragonfly Sono tre le configurazioni nelle quali è possibile acquistare questo notebook. La prima configurazione comprende una memoria di 8 GB, con SSD 256GB PCIe NVMe+ 16GB 3D Xpoint SSD, un display Brightview di 13.3" FHD (1920 x 1080) UWVA 400 nits con camera integrata; una tastiera retroilluminata, la grafica integrata Intel® UHD 620 e una batteria a 2 Celle Long Life 38 Whr. Inoltre, dispone di un supporto WiFi, bluetooth, di tre porte USB, ha un peso di 990 grammi ed è messo in vendita con una garanzia di tre anni. La seconda configurazione presenta una memoria raddoppiata rispetto alla prima, ma uguali batteria, tastiera, schermo, garanzia e grafica. La terza e ultima configurazione, invece, Elitebook Dragonfly con Privacy Filter integrato, ha una memoria uguale a quella della seconda configurazione; ma presenta una Batteria 4 Celle Long Life 56 Whr. I processori scelti per il Dragonfly Elitebook sono Intel di ottava generazione: si parte da un Core i3-8145U per arrivare fino a un Core i7-8665U. Inoltre, sono disponibili alcune opzioni sul versante della sicurezza, si tratta specificatamente di crittografia FIPS 140-2 e modulo TPM 2.0. Come partner Hp siamo pronti a rispondere a tutte le vostre domande!
Continua a leggere...
Social media policy aziendale: cos'è e perché è indispensabile?
Di Daniela Zepponi
|
Pubblicato il 25 Novembre 2019
La social media policy aziendale è un complesso di norme che regola il comportamento dei dipendenti di un’azienda in relazione con i canali social aziendali. In un periodo come questo, dove la maggior parte delle interazioni avviene attraverso i social network, appare fondamentale dotarsi di un documento capace di guidare i dipendenti nel corretto utilizzo degli stessi. La social media policy può essere di due tipi: interna ed esterna. Nel primo caso, ad esser regolato è il comportamento dei collaboratori aziendali, nel secondo, invece, riguarda il rapporto con i consumatori. I tre punti focali della social media policy aziendale Le linee guida da seguire per la creazione di un documento di social media policy sono essenzialmente tre, basate su alcune domande: ·         Quali sono i soggetti abilitati ad interagire sui social con gli users? ·         Quando e come bisogna postare sui profili social aziendali? ·         Come si può tutelare la privacy dei dipendenti? Per quanto riguarda il primo punto, è fondamentale che lo staff sia adeguatamente formato su come si utilizzano i social dal puto di vista aziendale. Alcune aziende si affidano ad agenzie esterne, per coloro che invece hanno intenzione di puntare sullo staff interno occorre definire bene i ruoli nonché le modalità di interazione.  E qui si passa al secondo punto: occorre istruire lo staff sui contenuti da inserire sui profili, e su come rispondereagli utenti. Generalmente si predispongono delle risposte standard, ma non sempre esse sono sufficiente a gestire correttamente il rapporto con i consumatori. Il terzo punto concerne, invece, i profili personali dei dipendenti. In molti casi, fortunatamente, lo staff che gestisce le pagine aziendali è nascosto agli users, però potrebbe esserci la necessità di collegare i profili personali. In questo caso, tutti devono prestare attenzione. Alcuni post condivisi sulla propria bacheca potrebbero essere lesivi dell’immagine dell’azienda stessa. Proprio per questo è necessario dettare delle regole anche riguardanti l’immagine dei componenti dell’azienda, ed invitare i dipendenti a tenere i profili chiusi, ed evitare di accettare i clienti che inviano le richieste di amicizia.
Continua a leggere...
Seo di base: 5 cose che non possono mancare nel tuo articolo
Di Daniela Zepponi
|
Pubblicato il 19 Novembre 2019
Avere conoscenze seo al giorno d’oggi è fondamentale per la visibilità dei propri articoli sui motori di ricerca, in particolar modo su google. Ovviamente ciò richiede molto studio e pratica. Con qualche piccolo consiglio, però, si può comunque ottenere un risultato soddisfacente.  Le regole d’oro della seo di base   INDICIZZAZIONE/OTTIMIZZAZIONE PER MOBILE: Nel 2019 la maggior parte degli accessi ai contenuti online avviene tramite smartphone. Proprio per questo è fondamentale essere “mobile-friendly”. Questo vuol dire essere schematici al massimo, ridurre all’osso url, meta description e titoli. Se il sito lo consente, è meglio differenziare questi elementi tra la versione desktop e quella mobile. Inoltre, dato che spesso gli utenti non si dilungano nella lettura, bisogna cercare di mettere in evidenza il punto essenziale dell’articolo, ciò che deve essere assolutamente letto anche a scapito del resto. Fondamentale, inoltre, è scegliere un font leggibile, pulito, lineare e una dimensione dei caratteri adeguatamente grande da non rendere obbligatorio lo zoom. ·     CONTENUTI ORIGINALI: Un articolo è fatto ovviamente da contenuti. Occorre necessariamente differenziarsi da ciò che offrono gli altri siti web, ma questo non è sempre facile. Se si trattano notizie, ad esempio, è impossibile avere un contenuto originale al 100%. In questo caso, occorre puntare sui sinonimi senza, però, fare giri di parole per arrivare al succo della notizia. Al contempo, non bisogna tralasciare i dettagli utili al fine della comprensione dell’informazione.  ORGANIZZAZIONE DEI CONTENUTI: I contenuti devono anche essere ben organizzati, attraverso l’utilizzo di grassetti, titoli e sottotitoli. Un articolo lungo va diviso in macrocategorie e “spezzato” da immagini. KEYWORDS: Biosgna prestare attenzione alle parole chiave, impostarle in modo intelligente senza, però, ripeterle di continuo. In questo caso si rischia di disincentivare l’utente nella lettura, poiché l’articolo diventa noioso e ripetitivo.  LINK INTERNI: I link interni che riportano ad altri articoli sono fondamentali. Però, non bisogna esagerare: il numero massimo è comunque intorno al centinaio, ma occorre regolarsi sulla lunghezza dell’articolo ed in più utilizzare sempre collegamenti coerenti.
Continua a leggere...
Abbiamo lavorato con
1986
Anno di fondazione dell'azienda
110+
Software gestionali (cloud e non) gestiti
1780
Kit Lim consegnati, installati e collaudati
140+
Portali web, siti internet ed app
I nostri fornitori sono