News
  • Rebranding: epic fail & epic win
    Di Daniela Zepponi
    |
    Pubblicato il 08 Febbraio 2019
    Avete mai sentito parlare di re-branding? In pratica un’azienda decide di effettuare un restyling delle proprie attività o di uno specifico prodotto, o magari lavora per riposizionarsi con un target differente. Il rebranding può essere totale o parziale: totale, se come già detto si mira a cambiare non solo aspetto, ma anche sostanza, se parziale quando c’è invece la necessità di svecchiare una grafica che magari risulta “fuori squadra” rispetto a quello che si vuole comunicare al pubblico e ai propri clienti. Non dobbiamo dimenticare che il mercato è in continua evoluzione, e le aziende devono non solo adattarsi ad esso, ma anche comunicarlo essere in grado di comunicarlo. Ora vi porteremo alcuni esempi di rebranding che hanno avuto successo, e di altri che invece si sono dimostrati dei veri epic fail, rimasti nella storia per la loro bruttezza o la loro inutilità.   EPIC FAIL: i peggiori casi di rebranding AIRBNB Decine di persone hanno impiegato un anno per realizzare una delle operazioni di rebranding più sbeffeggiate della storia della comunicazione. Preso di mira è stato soprattutto il simbolo, che non solo faceva già riferimento ad un’altra azienda, ma si metteva alla merce’ dei bontemponi che vedevano in esso ogni tipologia di riferimento volgare…Insomma, Caro Airbnb per noi (e per il resto del mondo) è un no.   MASTERCARD Altro pessimo esempio di rebranding è stato quello di Mastercard: mentre in genere si va verso la semplificazione del logo del marchio, per adattarlo alla comunicazione digitale, in questo caso sono stati aggiunti talmente tante ombre e sfumature da farlo diventare non solo incomprensibile ma anche inguardabile. È stato ovviamente abbandonato dopo pochissimo tempo, subissato dalle critiche.   GAP Da Gap, invece, il colosso dell’abbigliamento, sono stati rapidissimi. In sei giorni hanno operato un restayling che però ha lasciato senza parola le persone per la sua strepitosa banalità. È stato infatti eliminato il font tipico di Gap, che aveva raggiunto ormai una fama planetaria, in favore di un Helvetica così banale che più banale non si può. Anche l’equilibrio cromatico è stato spostato verso destra, con l’azzurro che non è più lo sfondo totale, e quindi al centro del logo e della vista dei clienti, ma ridotto a piccolo quadrato sulla destra. Indovinate un po’ come è finita? Ovviamente che sono tornati indietro più veloci della luce.   PEPSI COLA Forse il più costoso rebranding è stato quello della Pepsi Cola, per il quale è stato speso UN MILIONE DI EURO. Sì, avete capito bene: la Pepsi ha investito un milione di euro per fare quello che vedete qui sotto. Spostare tre righe di colore. Però loro ne sono stati soddisfatti e a differenza degli altri tre hanno deciso di tenere il nuovo logo.               Epic win: OTTIMI CASI DI REBRANDING   FEDERAL EXPRESS Federal Express ha deciso di assecondare gli utenti che abbreviavano il brand name in FedEx. Nel 1994 modificò quindi anche il suo logotipo, che diventò un esempio celebrato in tutto il mondo grazie anche al brillante utilizzo dello spazio negativo tra le lettere "E" e "x" che riproduce una freccia.     SPOTIFY Il nuovo logo di spotify appare decisamente più “istituzionale” e serio rispetto al precedente pur mantenendo un elevato livello di riconoscibilità (stesso colore, stesso nome e stesso tratto distintivo). Gli elementi superflui e inutili sono stati rimossi e l’immagine appare più semplice, definita e riconoscibile.     SISTEMA 3   Anche noi di Sistema 3 abbiamo operato un rebranding che può essere considerato parziale, perché riguarda soprattutto la grafica del logo e il rinnovo del sito, ma che in realtà mostra un’evoluzione importante del nostro core business che nel tempo si è spostato sempre di più dall’hardware verso i software. È stata realizzata da Giovanni della Ceca puntando sulla semplicità e sull’armonia dell’immagine con la scelta di un nuovo font e di un colore, l’arancione, che racchiude in sé proprio questi significati. Dobbiamo dire che ne siamo decisamente orgogliosi: il nostro rebranding rappresenta il futuro creativo che immaginiamo per noi. E voi, cosa ne pensate?        
  • Tendenze e-learning per il 2019
    Di Daniela Zepponi
    |
    Pubblicato il 06 Febbraio 2019
    Il tema dell’E-lerning resta uno dei più interessanti e con maggiori possibilità di sviluppo anche per il 2019: ecco i trend più interessanti per l’anno appena iniziato. MICROELEARNING Sono molte le organizzazioni che considerano il microlearning il modo migliore per implementare l’apprendimento, grazie a piccoli moduli che possono essere fruiti facilmente: può essere inoltre veicolato attraverso qualsiasi dispositivo. INTELLIGENZA ARTIFICIALE Utilizzata per aiutare le persone con difficoltà di apprendimento, può essere utilizzata per personalizzare ulteriormente la personalizzazione del programma dedicato agli studenti GAMIFICATION È provato che la gamification migliori i tassi di memorizzazione e applicazione dei contenuti appresi. Per coinvolgere al meglio i propri studenti, le organizzazioni guardano sempre più all'apprendimento basato sul gioco.   APPRENDIMENTO ADATTIVO (ADAPTIVE LEARNING) L’apprendimento che si adatta alle richieste, alle preferenze e al livello di chi deve apprendere, è definito adattivo. E nell’ottica di un’offerta formativa sempre più personalizzata. Utilizzando valutazioni efficaci, gli studenti possono saltare i contenuti in cui si sentono sicuri e focalizzarsi solo sui contenuti che desiderano approfondire. Gli LMS si stanno lentamente attrezzando per competere con le piattaforme che offrono l'apprendimento adattivo. Quindi sarà una tendenza importante e interessante da tenere d'occhio nel prossimo anno.   REALTA’ AUMENTATA E REALTA’ VIRTUALE La realtà virtuale (VR) e la realtà aumentata (AR) stanno entrambi crescendo rapidamente come modalità importanti di implementazione dei contenuti di apprendimento. Il più grande vantaggio della realtà aumentata e della realtà virtuale è che l'esperienza stessa vissuta dagli studenti li aiuta a connettersi meglio ai contenuti.   APPRENDIMENTO BASATO SUL VIDEO Sia che si tratti di una formazione d'aula intervallata da video sia di formazione in e-Learning, i video sono strumenti di formazione molto usati. Al momento, l'attenzione è rivolta a ridurre il tempo di caricamento e le dimensioni dei video. L'apprendimento basato su video continuerà a crescere e sarà una tendenza importante a cui fare attenzione.   SISTEMA 3 PER L’E-LEARNING Come si inserisce la professionalità di Sistema 3 nei trend più interessanti relativi all’e-learning? Grazie alla nostra strumentazione all’avanguardia (siamo tra i primi fornitori di sistemi di tecnodidattica della Regione) ma anche grazie ai software e a Logico-Cloud, il nostri sistema per organizzare ogni tipo di dato. Collaboriamo inoltre con Tefurma.it, la piattaforma che nasce con l'intento di rendere la formazione di qualità più accessibile a tutti. In questo spazio virtuale i corsi di formazione possono essere sia venduti che comprati, organizzati in aula oppure in modalità eLearning sincrona, in Webinar e in modalità blended. Il futuro è dell’e-learning: e siamo pronti a fare la nostra parte.    
  • Google + chiude: un grandioso fallimento
    Di Daniela Zepponi
    |
    Pubblicato il 05 Febbraio 2019
    Il 2 aprile 2019 G+ chiuderà per sempre i battenti: era stato annunciato l’8 ottobre 2018, e la scadenza si sta avvicinando a grandi passo. Eppure questa piattaforma era nata sotto una stella brillantissima e il fondatore Larry Page affermava, dopo poche settimane, che gli utenti erano già 10 milioni. Peccato che di 10 milioni di iscritti, i fruitori reali e costanti si siano dimostrati pochissimi fin da subito. L’obiettivo era di creare community online e di rivoluzionare il modo di comunicare in Rete: e si sono ritrovati con una città fantasma. Il colpo di grazia è arrivato dal bug che ha costretto Google a svelare che erano stati messi in pericolo i dati di 500 mila persone. Il gigante del web ha assicurato però che la falla non riguarda i dati di altri servizi connessi a Google plus, come post, messaggi, altri dati dell’account, numeri di telefono e contenuti di GSuite. Ma il vero problema di Google + è stata la sua incapacità di coinvolgere gli utenti in un dialogo tra di loro, di farli interagire: e un social senza socialità non ha futuro. Addirittura è stato mostrato che il 90% delle sessioni dura meno di 5 secondi. Perché è successo tutto questo? Innanzitutto il problema di Google è stato il pretendere che chiunque dovesse utilizzare uno qualsiasi dei prodotti di Google, come ad esempio Youtube, dovesse creare un account G+. Quindi chi era interessato ai video creava un account ma si dimostrava alla fine inattivo. In pratica il payoff: “Un unico account. Tutto il mondo Google” è stato un terribile boomerang. Le stesse aziende che hanno aperto il profilo business non hanno mai pensato di trovare clienti tramite G+ ma piuttosto un aiuto all’indicizzazione dei loro contenuti. Un altro dei punti deboli di Google+ è stato senza dubbio una quasi totale mancanza di identità. Instagram, LinkedIn hanno uno scopo ben preciso: ma qual era lo scopo di G+? Gli utenti preferiscono diversificare la user experience: e forse G+ non è stato in grado di fare questo. Essendo un mix di Twitter e Facebook mancava comunque di un focus specifico. Ma che succederà il 2 aprile? E cosa dobbiamo fare? La chiusura di G+ comporterà non solo la cancellazione degli utenti registrati, ma anche di tutti i contenuti da essi veicolati sulla piattaforma, dalle foto ai video e finanche ai commenti lasciati su altri siti attraverso il proprio profilo Google+. Inoltre, già a partire dal 4 febbraio 2019 non è più possibile creare nuovi profili, pagine, community o eventi di Google+. Per scaricare i propri dati basta andare sulla pagina Scarica i tuoi dati, selezionare quelli di interesse, scegliere il file e il modo in cui si vogliono ricevere e infine creare l’archivio. Ecco un elenco dei dati che sarà possibile esportare: post, commenti, +1 e altre attività; raccolte create; eventi creati o ai quali si è stati invitati; foto condivise nei post e nei commenti; cerchie: nomi, cognomi, nickname, nomi visualizzati, URL dei profili. I proprietari e i moderatori di community potranno scaricare: nomi e link ai profili Google+ di proprietari, moderatori, membri, richiedenti, membri esclusi e invitati delle community; link ai post condivisi con la community; metadati sulla community, inclusi il proprio ruolo e le categorie di community, immagini, impostazioni generali, impostazioni per il controllo del contenuto della community.   E se la porta di G+ chiude ai consumer, resta però aperta per i clienti business, per i quali si stanno studiando nuove funzionalità. Secondo Mountain View, infatti, Google+ funzionerebbe molto meglio come network aziendale in cui i colleghi possono impegnarsi in discussioni all’interno di un contesto sicuro. Riuscirà questa volta a trovare il proprio focus vincente?  
  • Come ottimizzare le schede e-commerce in chiave Seo
    Di Daniela Zepponi
    |
    Pubblicato il 30 Gennaio 2019
    Il mondo degli e-commerce è in continua espansione: ma l’errore più grave che un’azienda possa fare è pensare di vendere senza aver prima stabilito un’intelligente strategia di comunicazione relativa all’e-commerce stesso. Una parte importante di questa strategia riguarda senza dubbio le strategie SEO per ottimizzare le schede prodotto. Rendendole gradite a Google e al tempo stesso migliorando la user experience OBBIETTIVI DA RAGGIUNGERE Ovviamente l’obbiettivo da raggiungere è essere trovati e poi vendere il prodotto. Ma mentre nel secondo caso tutto dipende dalla qualità dell’oggetto o del servizio offerto, essere trovati nel labirinto di Google presuppone un lavoro importante di Seo. CATEGORIE E SOTTO-CATEGORIE Queste pagine permettono di raggiungere ricerche transazionali preziose che vanno dalle fat head più interessanti alle long taildi nicchia. Ma se vuoi farti trovare per le ricerche di nome prodotto è sulla scheda e-commerce che devi lavorare. TAG-TITLE Il tag title influenza il ranking, ed è cosa buona lavorare verso un miglioramento di questa stringa. E quindi è necessario informare sia i possibili acquirenti che i motori di ricerca di quello che troveranno all’interno della scheda. Ed ecco le caratteristiche specifiche del titolo di una scheda e-commerce: Keyword più importanti all’inizio. Parole chiave secondarie e brand a seguire. Non oltre le 65 battute. Non essere generico ma molto specifico: non usare codici articolo ad esempio, ma nomi prodotto, perché è più difficile che la gente cerchi un codice piuttosto che cerchi un nome. URL OTTIMIZZATA Una scheda e-commerce deve avere l’url ottimizzata per i motori di ricerca e non lasciata al caso. Usa poche keyword, semplici e chiare. Senza sigle strane e numeri senza senso per l’utente. Insomma, replicare la keyword principale del tag title (quindi il nome prodotto) può essere una buona idea. IMMAGINI PER E-COMMERCE Le foto di un e-commerce sono fondamentali: e quindi è necessario lavorare per migliorare questi elementi. Ma quali nello specifico Nome file significativo. Testo alternative descrittivo. Peso delle foto minimo.   LA META DESCRIPTION Serve ad ottimizzare la presenza nella serp. Aumenta il click through rate , la percentuale di persone che La snippet dopo averlo trovato nella serp dopo aver digitato una La query query. Non deve essere oltre le 145 battute. TAG H1 La header principale di una pagina web: deve essere il nome del prodotto. DESCRIZIONE SCHEDA PRODOTTO Nella scheda e-commerce deve esserci del testo per descrivere il bene che stai offrendo: curane la leggibilità! Dividi il testo in paragrafi. Usa menu interni. Usa keyword negli H2 e H3. Produci contenuti originali, altrimenti rischiate di avere contenuti raddoppiati. Usate La Google Suggest per studiare bene la query. Se le persone cercando come prima cosa il prezzo, sarà la prima che dovrai mostrare. Usa gli header H2 E H3 per strutturare bene il testo e renderlo di più facile lettura. Ottimizza gli aspetti che rendono più invitante il risultato nella serp. E, soprattutto, comunicano a Google una serie di dati extra rispetto al contenuto che stai affrontando nella scheda. Così puoi comunicare nel miglior modo possibile con il motore di ricerca e con l’utente. Ecco un esempio di compilazione: Tutto questo avviene attraverso un lavoro sul codice HTML. Google lavora sodo per comprendere il contenuto di una pagina. Puoi aiutare questo compito includendo i dati strutturati sulla pagina attraverso un formato standardizzato. LINK INTERNI La SEO per e-commerce è fatta anche di collegamenti ipertestuali che collegano le varie schede. I link interni che vanno ai prodotti correlati sono un elemento decisivo, perché danno la possibilità di inserire dei link all’interno della pagina che rendono il contenuto più pertinente e completo. Inoltre puoi ottenere dei risultati migliori in termini di conversione. Ogni visita deve uscire con il maggior numero possibile di prodotti acquistati. Questo è il principio chiave per aumentare le vendite con l’e-commerce.
  • Cybercrime: come difendersi nel 2019?
    Di Daniela Zepponi
    |
    Pubblicato il 25 Gennaio 2019
    Si è svolto da poco a Roma il “Cybertech Europe”, un panel internazionale dedicato alla sicurezza informatica organizzato da Kaspersky Lab, ed ecco quali sono le resultanze emerse sul tema del Cybercrimine e della cybersecurity. Cosa devono quindi fare le aziende per difendersi dai pirati informatici? Innanzitutto è necessario ripensare completamente il proprio concetto di sicurezza informatica, che deve partire proprio dalla costruzione degli stessi dispositivi e non solo dall’inserimento di antivirus e firewall. Le imprese, secondo sempre i consigli di Kaspersky, devono imparare anche a conoscere le minacce e ricorrere a sistemi di Treat Intelligence, servizi in cui un elemento sospetto è confrontato con archivi contenenti informazioni su violazioni già note. Il terzo elemento ritenuto importante  ruota attorno agli aggiornamenti. Una parte delle aziende, infatti, continua a essere colpita anche attraverso exploit, malware che sfruttano la presenza di vulnerabilità nei software per infettare i dispositivi. Non tutti scaricano periodicamente gli aggiornamenti di sicurezza, e questo lo espone ad attacchi informatici. Basta pensare a quanto successo nei mesi scorsi, con milioni di dati sensibili rubati perché i responsabili hanno sfruttato una vulnerabilità presente nei sistemi operativi dei computer presi di mira. Per Kaspersky un’azienda dovrebbe, inoltre, mettere in sicurezza gli endpoint, in particolare quelli mobile, così come condurre delle campagne di sicurezza informatica in azienda, in modo tale da formare il personale, che rappresenta il punto più vulnerabile e sensibile di tutta la catena di protezione. Infine, secondo la società russa, è molto importante proteggere qualsiasi componente, dai gateway per arrivare alle email. Noi di Sistema 3 possiamo mettere in sicurezza le vostre aziende, garantendovi la possibilità di lavorare in modo sereno e senza rischi: non esitate a sottoporci ogni vostro dubbio sulla sicurezza informatica.
  • Social media listening: perché non potete farne a meno!
    Di Daniela Zepponi
    |
    Pubblicato il 18 Gennaio 2019
    Avete mai sentito parlare di social media listening? Se siete proprietari di un brand, avreste dovuto. Infatti il social media listening è l’attività di raccolta dati, trattamento, analisi e produzione di strategie orientate all’ascolto della rete che serve a massimizzare le performance. In pratica ogni utente che si trova sulla rete produce dati. I brand possono usare questi dati per capire le migliori strategie da applicare per “fronteggiare” l’opinione pubblica e al tempo steso scoprire come offrire al meglio i propri prodotti. Può inoltre scoprire se un gruppo di opinione sta seminando informazioni scorrette, o negative, sul proprio conto. Ma Come si fa Social Media Listening? Bisogna innanzitutto trovare le fonti dei dati e poi analizzare le metriche e gli scenari. Ma quali sono queste fonti e queste metriche? Le fonti sono senza dubbio Google, i social network in generale e gli hashtag, mentre le metriche da studiare sono ad esempio l’engagement (coinvolgimento), oppure il Response Rate e il Response Time, che sono essenziali per l’attività di auto-monitoraggio, riferendo la propria capacità di rispondere, rispettivamente, al maggior numero di istanze degli utenti e nel minor tempo possibile. Parliamo poi di Analisi testuale, che non può essere lasciata nelle mani di sistemi automatici ma deve essere affrontata per forza dall’uomo perché i temi trattati nelle conversazioni risultano troppo complessi e la Data Visualization, che permette di avere sotto controllo la complessità dei dati raccolti attraverso rappresentazioni grafiche. Non possiamo tralasciare però in un’analisi di social media listening lo studio del target, ovvero di un pubblico più specifico. È necessario soprattutto individuare la presenza di influencer che stanno parlano in termini positivi o negativi del brand e quindi capire quali strategie usare per far fronte al comportamento del pubblico. Perché occuparsi del Social Media Listening? Perché potrete ricevere Feedback in tempo reale e trovare opportunità di business.L’adozione di uno strumento di social media listening vi permetterà di ottenere feedback in real-time, che, se correttamente utilizzati, ti aiuteranno a migliorare i processi di business e lo sviluppo del prodotto.Vi facciamo un esempio: la catena alberghiera Hilton monitora su Twitter frasi quali “dove andare per le mie prossime vacanze”, per poter prontamente rispondere con suggerimenti e link alle loro offerte. In cosa può aiutarvi effettuare un buon Social Media Listing? Migliorare il customer service E’ necessario essere al corrente di ogni volta che un utente menziona il vostro brand per rispondere prontamente. Le persone che ad esempio usano Twitter, si aspettano di ricevere una risposta dai brand entro un’ora e un servizio clienti amichevole e informale può spingere molti dei consumatori a valutare positivamente la propria esperienza e a consigliare il brand. Quasi la metà degli utenti che usano la rete interagiscono con i brand attraverso i social attraverso il loro customer service. Trovare gli influencer Perché i rapporti con gli influencer sono fondamentali per il vostro brand? Il 74% dei consumatori si affida ai social media per le proprie decisioni di acquisto Il 90% dei consumatori confida nei consigli del sui network di contatti, mentre solo il 33% si lascia influenzare dalle ads. Ecco perché le opinioni degli influencer sono così importanti, perché le persone le ascoltano. Per questo motivo è necessario riuscire a portarli dalla vostra parte, a farli parlare del vostro brand e dei vostri prodotti. Tracciare hashtag, keyword e frasi State lavorando a una nuova campagna? Avrete sicuramente bisogno di trovare gli hashtag più popolari, le parole chiave più utilizzate o le frasi più efficaci per migliorare il contenuto. Uno strumento di social listening può aiutarvi non solo a trovare queste informazioni ma anche a monitorare le performance della vostra campagna. Come fare un buon social media listening È necessario per prima cosa impostare le ricerche analizzando: 1. Mention del tuo brand, dei tuoi prodotti e servizi; 2. Mention del tuo brand, dei tuoi prodotti e servizi in relazione ad altri termini che si riferiscono alla qualità del servizio (es: non funziona, aiuto...) 3. Riconoscimento di intere frasi o critiche. Tra gli obiettivi più frequenti troviamo: 1. Individuare gli influencer più popolari 2. Migliorare il customer service 3. Identificare gli hashtag e le keyword più performanti 4. Gestire al meglio i prodotti e servizi online grazie a feedback in tempo reale. Quali strumenti usare per effettuare social media listening? Gli strumenti di social media listening riescono ad identificare tutto quello che è stato detto rispetto un’azienda, un individuo, un prodotto o un brand su internet, basandosi sui risultati ottenuti sulla base di specifiche ricerche. Proprio per l’incredibile quantità di dati che possono essere analizzati è necessario definire degli obiettivi ben precisi prima di impostare una strategia di social listening. Per alcuni obiettivi la soluzione migliore potrebbe essere ricorrere a strumenti gratuiti come gli alert di Talkwalker (strumento davvero interessante e completo), mentre per altri potrebbe essere necessario ricorrere a strumenti a pagamento in grado di supportare processi di business intelligence più complessi e specifici. Scegliere lo strumento più adatto tra centinaia di tool presenti sul mercato può essere un’ardua impresa. Ancora una volta sono gli obiettivi che avete fissato a fare la differenza e questi devono rappresentare il tuo punto di partenza. Perchè vuoi implementare una strategia di social listening? Per migliorare il tuo customer service? Per trovare nuovi influencer? Per monitorare i competitor? Esistono anche altre piattaforme per l’ascolto e sono Klear (Twtrland) Klear è il tool perfetto per il social media monitoring l’analisi dei competitor e l’influencer marketing. Inoltre, include suggerimenti su come incrementare le performance e scegliere il giusto contenuto. Keyhole Tracciando URLs, hashtag, parole chiave e @mention, Keyhole fornisce metriche in real-time per alimentare continuamente le tue campagne social e la tua content marketing strategy. Buzzsumo Include feature che ti permettono di monitorare la tua attività sui social media, compresa la content virality search, che permette di identificare i blog, gli articoli e le infografiche più popolari semplicemente inserendo una parola chiave o un argomento. Agorapulse Agorapulse è uno strumento utile per il social media marketing, monitoring e management, in quanto si focalizza sul monitoraggio in tempo reale del brand e delle parole chiave su Facebook, Twitter e Instagram.  In conclusione il social media listening è un’opportunità importante da considerare per migliorare non solo il rapporto tra il proprio brand e i consumatori, ma anche per non perdere nessuna opportunità nel grande mare della comunicazione online.